Amburgo
Germania, mondo.
Storie tra Italia e Germania
Tedeschi, cultura e tendenze

Arcobaleni e tramonti mozzafiato: il mio arrivo ad Amburgo

Moin moin! Tempo di novitá nella cittá di Franz! Eh sí, perché dopo Erika, Carlo e Serena mi aggiungo io, una new entry! :)

Eccomi qua, Giulia, 21 anni, a ricevere il testimone e a raccontarvi la mia esperienza di vita ad Amburgo, sperando di portare avanti questo blog con successo, come hanno fatto i miei colleghi. Quindi piacere miei cari lettori, anche io sonWP_20150308_019o arrivata in questa splendida cittá nordica!

Certo, passare da Trento ad Amburgo é stato uno shock per me.  Dalla mia cittá di origine, la piccola e tranquilla Trento, ad una cittá cosí attiva e movimentata come lo é Amburgo. Dall´avere le montagne tutt´intorno che mi fanno sentire protetta, a non riuscire a vedere dove finisce il cielo.
Sono arrivata da poco piú di una settimana e sto scoprendo anche io la bellezza di questa cittá. Girovagare senza meta per la cittá, scoprire locali e negozi nascosti nella moltitudine che Amburgo offre é stata la mia attivitá principale questa settimana! :)

E ovviamente, anche i miei occhi si sono ingigantiti di fronte ad alcune particolaritá di questa “metropoli sull´acqua”.

La prima cosa che inevitabilmente non ho potuto fare a meno di notare é la passione sfrenata per il jogging degli amburghesi (che si chiamano cosí, no?!). Il giorno in cui sono arrivata era una domenica grigia e piovosa, di quelle che io passerei spaparanzata sul divano.

Ero stanca da 13 ore di viaggio notturno in treno e bramosa di un letto. Ma invece che una cittá vuota e desolata, alle 9 di mattina mi ritrovo in mezzo a tedescofoni atletici, fieri della loro buona volontá che corrono spensierati lungo il lago, „An der Alster“. Corridori di tutti i tipi ovviamente: dalla bionda ragazza giovane e perfetta che mantiene il suo fisico da urlo, all´uomo di mezza etá che la rincorre, con tutto l´impegno possibile e tentando disperatamente di recuperare un po´di quella giovinezza perduta.

Con loro, anche i loro fidati amici a quattro zampe, che senza il bisogno di guinzaglio, affiancano i loro sportivi padroni, fieri anche loro del proprio stile di vita.

Trovare questo ambiente ha convRegebogeninto anche me a lasciar perdere il divano e a tuffarmi nella spensieratezza della cittá. Quindi ringrazio tutti i super sportivi che hanno alimentato i miei sensi di colpa per aver pensato, anche solo per un attimo, di accoccolarmi a letto!

La mia prima settimana qua é stata caratterizzata dalla pioggia, il vento e il freddo: tre cose che arrivano sempre insieme ad Amburgo. Quindi l´ombrello é diventato in poco tempo il mio miglior amico, e in pochi giorni ho visto gli arcobaleni piú belli e mastosi di sempre.

Il mio primo weekend l´ho passato visitando il porto e la zona di Jungfernstieg, in cui i proprietari di auto lussuose fanno a gara per mettere in mostra il loro gioiellino: Porsche, Ferrari, Lamborghini e chi piú ne ha, piú ne metta! Il paragone é triste, ma si vedono questo tipo di auto ad Amburgo, quante panda si vedono in Italia!

Per quanto riguarda le abitudini culinarie dei tedeschi la cosa che mi ha scioccato di piú é la loro usanza a bere latte macchiato o cappuccino ai pasti. Quindi la loro ordinazione ideale é tipo “Würstel, Kartoffeln und ein Cappuccino, bitte!”. Ogni volta che vedo questo insensato abbinamento, mi chiedo quale strana maledizione sia stata inflitta alle papille gustative dei tedeschi, per dover subire una tale tortura!!Tramonto

Per finire vi racconto che anche io ho conosciuto il famoso Franz… ma il nostro incontro non é stato cosí piacevole :( Sará, ma quel mix di zucchero e cannella che mi impasta i denti non mi fa impazzire…. Forse le mie aspettative erano troppo alte, dopo aver letto questo blog! Ma proveró Franz al cioccolato, quindi una speranza c´é ancora cari miei lettori! ;)

Queste sono state le mie prime impressioni di questa splendida cittá che mi stupisce sempre di piú. Incredibile poi la bellezza del cielo sereno quando il sole tramonta: tutto si tinge di rosso, giallo, rosa, blu…. Ed é proprio scattando una foto a questa meraviglia che ho salutato la mia prima settimana ad Amburgo, als deutsche Mädchen, con uno splendido tramonto e un cielo rosso, pieno di speranza, che so che mi porterá fortuna in quest´avventura!

Friday 13 March 2015 ore 16:27

Non � possibile aggiungere un commento