Amburgo
Germania, mondo.
Storie tra Italia e Germania
Tedeschi, cultura e tendenze

Playlist da Berlino

Non sono tutti bei pezzi. Un paio sono  capolavori, altri meno… Ma queste cinque, in particolare, costituiscono le vere e proprie hit della mia personale playlist berlinese datata febbraio-agosto 2011.

Ciascuna di esse è collocabile in un punto preciso della città. Sommate una all’altra, per me, danno Berlino.

1. “Sky and Sand” Paul Kalkbrenner

Dove? A Warschauerstraße.

Sei di mattina, sole, Club Mate, Oberbaumbrücke. Ogni volta che sento partire l’intro, è come se venissi ricatapultata lì, tra Kreuzberg e Friedrichshain. Per il valore affettivo che ha assunto a tempo indeterminato, devo inserirla al primo posto.

Paul Kalkbrenner non è un dj bensí il dj di Berlino. Le sue gesta (più eroiniche che eroiche) vengono celebrate dal film culto Berlin Calling: insignificante dal punto di vista artistico, ma interessante per farsi almeno una vaga idea della scena techno berlinese negli ultimi anni.

 

 2. “When you sleep” My Bloody Valentine

Dove? Sull’Oranienstraße.

Svegliarsi (sempre troppo presto) nella mansardina di Kreuzberg. Non ho niente per colazione, spero che almeno apprezzerai la musica. Tra un po’, se vuoi, possiamo andare a fare colazione a Neukölln e fare incetta di frutta esotica al Maybachufermarkt.

Nota – A proposito di frutta, ecco come Loveless, l’album dei My Bloody Valentine che contiene questa traccia, é diventato uno dei miei preferiti di sempre: la responsabilità é di un cestino di mele tedesche. Compravi il cestino, ottenevi un buono di 10 Euro per scaricare musica.

 

3. “The dark is rising”  Mercury Rev

Dove? A Prenzlauer Berg.

Prima di andare a trovare i genitori in Francia, il coinquilino si era raccomandato di due cose: bagnargli le piante (soprattutto, la pianta) e ascoltare liberamente tutti i suoi cd.

 

4.  “Your hand in mine” Explosions In The Sky

Dove? A Friedrichshain.

Il concerto degli Explosions In The Sky  all’Astra Kulturhaus ha rappresentato uno dei momenti più significativi dell’intera esperienza berlinese. Sono tornata a casa camminando a svariati centimetri da terra.

 

5. “Das Zelt” Jeans Team

Berlino Lichtenberg

Dove? A Lichtenberg.

Questo brano un po’ scemo dei berlinesi Jeans Team mi ricorda con quanta Gute Laune  ho pedalato attraverso Lichtenberg per raggiungere un open-air imboscatissimo. Dove fosse esattamente, ancora oggi, non saprei spiegarlo.  So solo che ho scavalcato delle recinzioni, oltrepassato binari ferroviari  (in disuso, credo) e sono rimasta impigliata tra i cespugli tante volte.

Monday 15 October 2012 ore 15:09

Non � possibile aggiungere un commento